Sognare in inglese: un obiettivo raggiungibile?

sognare_in_inglese

In qualsiasi ambito, per monitorare i propri progressi è necessario sapere quale sia il punto di partenza e soprattutto quale sia il proprio obiettivo finale. Sognare in inglese può rappresentare un obiettivo raggiungibile per chi sta studiando la lingua?
Ognuno di noi è libero di stabilire i propri obiettivi di conoscenza di una lingua. Non esistono limiti, se non per gli studenti che devono prepararsi ad un esame per passarlo con un determinato punteggio. Oggi vogliamo porci una domanda, la cui risposta però coinvolge il nostro inconscio, la parte della mente a cui – secondo Freud – appartengono i contenuti e gli impulsi che sfuggono alla nostra coscienza e che non sono controllabili in maniera razionale.

Per chi non deve passare un esame o ottenere una certificazione, le classificazioni standard possono non avere un significato così importante. Chi studia l’inglese può volerlo fare semplicemente per affrontare al meglio il prossimo viaggio all’estero, per poter scrivere degli articoli o delle recensioni in inglese, per ascoltare le ricette di cucina su canali anglofoni e così via.

Detto questo, sognare in inglese può essere considerato un obiettivo di apprendimento?

Non controlliamo i nostri sogni

sognare_in_inglese_studio

Proviamo a dare una risposta chiara e definita. No, non possiamo considerare il “sognare in inglese” un vero e proprio obiettivo di apprendimento. Il motivo è semplice: noi non controlliamo i nostri sogni.
Nonostante esistano studi e teorie sull’inconscio e sull’interpretazione dei sogni, non possiamo prevedere quello che vedremo non appena chiuderemo gli occhi o tanto meno spiegarci perché lo vedremo. Fra le meraviglie (e a volte gli orrori) che il nostro cervello è in grado di mostrarci mentre dormiamo, esiste la possibilità di sognare in un’altra lingua, anche in inglese! Può succedere a chiunque, ma accade con più probabilità a chi conosce una o più lingue.

Uno psicologo canadese degli anni ’80, tale Joseph De Koninck, studiò questo fenomeno su alcuni studenti di francese e notò che coloro che iniziavano a sognare in francese prima degli altri riuscivano a progredire più rapidamente nello studio della lingua. È affascinante sapere che esiste una correlazione fra sogni e apprendimento della lingua ma questa stessa correlazione non è dimostrabile e non si può generalizzare.

Se conosci un madrelingua inglese che parla italiano, cogli l’occasione per chiedergli quanto spesso gli capita di sognare nella sua seconda lingua!

Did you know…?

sognare_in_inglese_curiosita

Hai mai sentito parlare di onironautica e sogni lucidi (lucid dreams)? L’onironautica è il termine utilizzato per indicare una serie di tecniche che servono ad allenare la propria capacità di vivere dei sogni lucidi. Con sogni lucidi ci riferiamo ad uno stato di coscienza che ci permette di vivere i nostri sogni come se fossero realtà, anche se stiamo dormendo. Questo ci consente di interagire e influenzare il sogno che stiamo vivendo!
Ti è mai capitato di vivere un sogno lucido?

Voglio provare a sognare in inglese!

parlare_sognare_in_inglese

Nel corso di tempo si sono succeduti numerosi studi per cercare di spiegare perché ci ritroviamo a sognare in una lingua diversa ma, nonostante questo, possiamo solo abbozzare alcune ipotesi. Vuoi sognare in inglese?

Uno studio risalente al 1993 (di David Foulkes) ha evidenziato che le persone con un’ottima padronanza di più lingue hanno più probabilità di sognare nell’idioma con il quale ha parlato poco prima di addormentarci. Questo significherebbe che se parliamo inglese prima di dormire e successivamente sogniamo in inglese avremmo raggiunto un livello di confidenza eccellente con la lingua. Ma questa è solo una teoria!

Sempre a livello teorico, i sogni sono sempre stati considerati come la manifestazione dei nostri desideri. Ecco perché sognare in inglese può essere la dimostrazione di impegno e di forte volontà nell’apprendimento. In un certo senso, sognare in inglese può essere un nostro obiettivo per quanto riguarda il livello di coinvolgimento personale che vorremmo nello studio. Pensare continuamente alle nozioni che si stanno imparando (tentando di applicarle) e il desiderio di poter scrivere o parlare fluentemente la lingua può spingerci a sognare in inglese.

Altre teorie non associano il sognare in inglese alla padronanza della lingua, quanto più alla pratica. Chi ha l’opportunità di vivere in un ambiente anglofono ha molte più probabilità di sognare in inglese perché risulta più abituato ad ascoltare ed interagire totalmente nella lingua locale. L’interazione con i madrelingua è fondamentale! Limitarsi ad ascoltare, infatti, non è sufficiente. Quanto prima uno studente riesce ad abbattere il muro della paura di sbagliare e di interagire, quanto prima potrebbe sognare nella sua seconda lingua.

Le lezioni intensive con un insegnante madrelingua possono senz’altro essere d’aiuto per farti vivere dei “sogni inglesi”.

Qual è il tuo obiettivo di apprendimento? Hai mai sognato in inglese? È arrivato il momento di conoscere il tuo livello di partenza per pianificare il tuo percorso di studio su misura.