Me, myself and I: le differenze e come usarli

me-myself-i

“Me”, “myself”, “I”.
Il primo è un pronome usato come oggetto in una frase, il secondo è un pronome riflessivo e l’ultimo è un pronome usato come soggetto. A volte, scegliere se usare “me“, “myself” oppure “I” in una frase non è così scontato. Per capire quale pronome utilizzare, la prima domanda che devi farti è “IO sto facendo qualcosa?”. Se così fosse, probabilmente “I” è il pronome giusto da utilizzare.

I casi più difficili sono quelli in cui tu e un’altra persona/soggetto state facendo qualcosa. In questo caso, rimuovi l’altra persona dalla frase e vedi se può funzionare con “I”, “me” oppure “myself”. Vediamo qualche esempio concreto!

Quando usare “I”

me

Puoi usare “I” quando sei il soggetto di una frase, ovvero quando stai compiendo un’azione o l’unico soggetto del verbo puoi essere tu.

“I like playing basketball.” – Mi piace giocare a basket.
“Mark and I went to Canada last year.” – Mark e io siamo stati in Canada l’anno scorso.

Quando usare “myself”

i

“Myself” può essere usato in due situazioni differenti. Il primo caso è quando lo stiamo usando come pronome riflessivo, ovvero nel quale noi siamo il soggetto della frase e stiamo “riflettendo” un’azione su noi stessi.

“I stopped myself from telling him your secret.” – Mi sono fermato dal dirgli il tuo segreto.
I cut myself with a knife.” – Mi sono tagliato con un coltello.

Il secondo è quando vogliamo enfatizzare qualcosa su noi stessi e che abbiamo fatto. In questo caso, potremmo rimuovere “myself” dalla frase senza influire sul significato della frase.

I built this house myself.” – Ho costruito la casa io stesso.

Quando usare “me”

myself

Possiamo usare “me” quando il soggetto della frase è qualcun altro e viene fatto qualcosa nei nostri confronti.

He called me yesterday just to say “hello”.” – Mi ha chiamato ieri solo per dirmi “ciao”.
My father gave me this car as a gift.” – Mio padre mi ha regalato questa macchina.

Hai ancora dubbi sull’utilizzo di “me”, “myself” oppure “I”?